', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true); ', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true);

Stress

H. Selye lo definiva come “Sindrome Generale di Adattamento” per descrivere la risposta biologica che questo provocava. Ma definire cosa nello specifico provochi stress, dunque quali siano gli stimoli è difficile. Persone diverse percepiscono in modo diverso lo stress perché valutano gli stimoli che lo possono provocare, in maniera diversa inoltre questi soggetti hanno degli stili di coping diversi.  Le teorie che ci dicono come lo stress può influenzare la nostra salute sono dette teorie diatesi-stress ovvero, teorie che chiamano in causa sia fattori psicologici che biologici. Ricordiamo che tra i rischi fisici in seguito a episodi di  forte stress vi sono: problemi cardiaci, immunitari psicosomatici.

 

Cosa può fare lo psicologo

Data la particolare rilevanza degli episodi di stress e la loro potenziale amplificazione, è necessaria un’attenta valutazione e diagnosi, con cui lo psicologo, definisce quali siano le problematiche e dunque, come intervenire. Nei casi di disturbi di carattere psicosomatico è necessaria la collaborazione col medico che deve poter escludere la presenza di malattie. Dunque, a seconda dell’orientamento, si procederà all’uso di tecniche che vanno a ridurre nel paziente, la presenza di ansia e depressione cercando di tirar fuori dal soggetto stesso, tutte gli strumenti per far fronte alle difficoltà che sta attraversando.

fg