', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true); ', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true);

Ossessioni

Tale disturbo è caratterizzato da pensieri o impulsi, persistenti e incontrollati chiamati ossessioni, nei casi di DOC (Disturbo Ossessivo Compulsivo) seguono anche comportamenti ripetitivi, messi in atto per far fronte all’ansia scatenata da tali pensieri, sono le cosiddette compulsioni. Si tratta di azioni o pensieri, messi in atto in maniera eccessiva e che la persona sente di dover mettere in atto perché ridurranno l’ansia che prova. Le ossessioni in presenza o meno di  DOC, incidono negativamente sulle relazioni interpersonali, suscitando reazioni di risentimento e di mancata sopportazione da parte di chi è vicino a queste persone.

 

Cosa può fare lo psicologo

Cercherà attraverso una attenta valutazione, di capire come affrontare la situazione che crea ansia, aiutando il soggetto a esporsi alle situazioni che gli creano agitazione con un altra prospettiva, usando diverse tecniche e  partendo dall’elaborazione dei pensieri intrusivi.

ossessioni