', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true); ', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true);

Disabilità cognitiva

La disabilità cognitiva è presente in tutti quei soggetti che hanno un funzionamento minore in quegli ambiti che riguardano il linguaggio, l’apprendimento, la memoria, il pensiero. Questi soggetti possono avere un basso QI (Quoziente d’Intelligenza) poiché tali processi determinano dei deficit a livello intellettivo.

Nei casi più gravi si tratta di soggetti con ritardo nello sviluppo o ancora soggetti con ritardo mentale.

 

Cosa può fare uno psicologo

Può fare diagnosi tramite la somministrazione di test ad hoc, e intervenire tramite procedure di riabilitazione in equipe con altri specialisti tra cui psichiatra o neuropsichiatra infantile, logopedista o psicomotricista.

Lo psicologo si occupa di aiutare il paziente con disabilità cognitiva a utilizzare al meglio le potenzialità e le capacità residue e a valorizzare quegli aspetti non toccati dal deficit. Inoltre è di sostegno alla famiglia e a chi si occupa direttamente del paziente, nella gestione della quotidianità.

cervello

<script async src=”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js”></script>
<script>
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({
google_ad_client: “ca-pub-4589025566599140”,
enable_page_level_ads: true
});
</script>